Questa coraggiosa ragazza si è nascosta abbastanza a lungo

25 febbraio 2020

Lisa ha sofferto fin dall'età di undici anni a alopecia areata, quindi la perdita di capelli a chiazze. Solo molti anni più tardi, si impara a vivere con fiducia, nonostante la loro malattia. Ora lei vuole aiutare affrontare la malattia con altre persone il suo progetto fotografico 'bei ragazzi. Ci ha raccontato la sua storia in movimento con le loro parole.

Dal momento che sono 11, alopecia areata (circolare è la perdita dei capelli ) significa più o meno costante compagna, il mio centro, la mia fonte di disperazione, il berretto l'odio, la mia pazienza - e più recentemente la mia ispirazione. Già da 15 anni ogni sguardo allo specchio è un esercizio di dire, di confermare e di sentire: "Mi trovo bellissimo" Per molti anni, in cui cerco in vista della ovvio "nulla" sulla mia testa, in ricorrenti cicli di pensiero per trovare le risposte alle domande su (il mio) la femminilità e bellezza.

Che cosa è 'alopecia areata'?

Alopecia areata (AA) è una realtà conosciuta malattia autoimmune in effetti molto diffusa, ma non in Germania la gente solo sono colpite da più di un milione. AA non conosce genere, senza età e senza colture. Causa e la cura non sono ancora completamente chiariti, gli approcci medici numerosi ed i risultati terapeutici come individuo varie quanto le persone interessate. Infatti, AA è spesso il "stepchild" delle malattie autoimmuni. Perché chi soffre di solito non hanno alcun dolore, ma "solo" un problema estetico. Questo problema è, però, tutta la mia vita e l'essere femminile dominato. Così come la mia attuale comprensione della bellezza e della femminilità, non solo in termini di hairlessness, ma in generale ogni forma di difetto, alterità e le presumibilmente "anormali".

Per anni, mi accompagnava invidia alla vista di amiche con riccioli biondi e visite per capelli, così come un desiderio irrefrenabile, proprio come qualsiasi altro "normali" le ragazze mascara , Zopfgummis e condizionatore da acquistare. Inoltre, la grande domanda è se si trova altrettanto disgustoso (s) Glatzen come mi sono sentito quando guardarsi allo specchio è la prima o poi. Stanno sviluppando sofisticati improvvisazione, Retuschierungs- e strategie mimetiche scuse per il nuoto visite piscina e feste durante la notte. A causa soprattutto le aleggia paura scoprirono esposti, "luce de-donna" spinto "malattia angolo" e di essere percepito alla fine come ripugnante. Seduto profonda convinzione che ogni donna e ogni uomo pieno di compassione, senza interessi su questo "io" sembra - senza capelli, senza ciglia, non "tutti".

Essere bella non è, nonostante il Calvo - ma a causa della sua

Lo farò davvero 'speciale', ma non e 'diverso' di essere. Ma soprattutto, voglio nessuna pietà e nessun salsiccia speciale. "La bellezza viene da dentro!" e "L'amore come sei!" mutate in una lira eterna a frasi fastidiosi trebbiatrice. Lunghi capelli lucidi come identità biglietto da visita dei componenti e fiore all'occhiello - ma per me niente dipende. "Oh, add 'Non essere così, è solo i capelli." - Certo, braccio o una gamba sarebbe peggio, ma non è quindi facile, buona e giusta.

Mi ci sono voluti anni e non sentono la forza ancora di tutti i giorni, la pazienza e la persuasione, i termini "calva" e "bellezza" come un paradosso. Oggi, la pelata per me espressione di vulnerabilità, la paura, la tenerezza, l'intimità e la nudità. Con esso combino molti anni di disgusto di sé, il disgusto, il dubbio, la tristezza - ma sempre più l'amore di sé, la pazienza, la bellezza e l'estetica.

La foto del progetto 'bei ragazzi'

Con il mio progetto 'bei ragazzi che vanno a cercare proprio questa bellezza che si presenta nel momento in cui l'inadeguatezza apparente della frattura e l'esplosione di ideali e le aspettative per me.

Ricerca nell'ambito del progetto, il fotografo Ingrid Hagen Henrich e le donne coraggiose che soffrono anche di perdita di capelli a chiazze. Vogliamo dare altre parti interessate ispirazione mostrandoci completamente naturale e genuino nella nostra gloria senza peli. Ogni donna viene visitata al loro posto residenziale e di benessere. Quindi, per essere costruito, immagini naturali e senza distorsioni: istantanee con i loro figli, partner o da soli.

Le foto e le storie di donne vogliono essere rilasciato sotto forma di una mostra itinerante in tutta la Germania per fornire così per una maggiore attenzione per l'alopecia areata. Vogliamo anche stimolare un discorso sulla bellezza e l'estetica del inusuale, dall'altra, del imperfetta.

Se si vuole sostenere il progetto di Lisa 'bei ragazzi, potete cliccare qui per l'azione di Lisa donare!