8 frasi con cui i bambini chiedono indirettamente aiuto

26 gennaio 2020

I bambini possono trovare difficoltà a chiedere aiuto per i genitori o fratelli, se non sta facendo bene. Quindi, si sa comunque quando si può aiutare, vi mostreremo otto set, che chiedono i bambini indirettamente per chiedere aiuto.

Per noi adulti, è difficile immaginare a volte che i nostri figli già così grandi preoccupazioni e le paure possono avere che non sta facendo bene. Perché ai nostri occhi, la sua vita è spensierata e libera. La scuola e il tempo libero, in quanto non può, ma in realtà fare un male. Ma questo è lontano da esso. Anche i bambini sentono la pressione a scuola, la pressione da parte della società e la pressione da parte dei coetanei. E la pressione può essere così grande che essi soffrono molto meno.

Così la vita dei nostri figli non cresce sopra la testa, è importante che prestiamo attenzione e li ascoltiamo. Perché a volte è nelle cose semplici che i nostri figli ci dicono, molto più nascosta di un semplice aneddoto dal suo giorno. Record in cui si dovrebbe prestare particolare attenzione e con il quale il vostro bambino vi dice potrebbe in modo indiretto che ci vuole più semplicemente del solito tipo può essere il seguente.

"Ho un mal di stomaco."

Se il bambino è sano e non una condizione medica per la ricorrente dolore addominale è presente, può essere che il bambino proietta il suo dolore, lo stress acuto o preoccupazione nel suo stomaco. I bambini sotto i dieci anni può essere difficile da esprimere i loro sentimenti. Con loro si può quindi in forma di dolore addominale esprimere che percepisce il bambino come dolore reale e strapparla dalla sua attività appena fatto.

Se il dolore addominale si verifica regolarmente "senza ragione", è importante che i genitori hanno bisogno di tempo per il bambino. Non si tratta del mal di stomaco alla ribalta da fare, ma di semplicemente chiedere e ascoltare come il giorno era. Condividere una tazza di tè da bere e parlare di che cosa esattamente sta succedendo nella sua vita. Ci sono nuovi compagni di classe, c'era polemica, una prova sorprendente o la rabbia l'insegnante? C'è qualcosa che il bambino eccessivamente occupato o si prepara a lui dolore?

Il più delle volte, dolore addominale fare durante la chiamata stessa.

"Ho paura."

L'ansia nei bambini può avere molte cause ed è importante per indagare su questo. A seconda della fase di sviluppo, certi timori "normale". Già otto mesi fremdeln i bambini e hanno paura di essere separati dai loro genitori. Un po 'più tardi, con circa tre o quattro anni, i bambini sono nella cosiddetta fase di magia. Hanno paura di minacciare creature o al buio perché la loro immaginazione è più pronunciato. Con circa sei anni capiscono più del mondo, ascoltare e vedere i messaggi, e hanno paura di guerre, incidenti o disastri, anche se accadono lontano. Con circa otto anni che sentono la prima pressione per eseguire e venire in giovane età con la separazione dei genitori, ansia sociale aggiunto.

I genitori dovrebbero parlare con i loro figli, esplorare, dove la paura viene e sostenere il loro bambino ad imparare a superare la paura. Coloro che imparano a ottenere la sua paura sotto controllo e la situazione da padroneggiare, che i suoi rafforza fiducia in se stessi.

Se la paura del bambino si ferma, ma più a lungo e si è già lasciato alle spalle la fase di sviluppo, per i quali la paura è tipico, può essere che il bambino ha un disturbo d'ansia. Come comportamentale terapia può aiutare. Parlate con il vostro pediatra su di esso, perché se un disturbo d'ansia è diagnosticato, la terapia sarà coperto da assicurazione sanitaria.

"Nessuno mi piace."

I bambini possono, come noi adulti, di essere depresso. Questo può anche solo una brutta giornata, ma è anche una vera e propria depressione. Questa diagnosi nei bambini è difficile. I genitori devono essere attenti se il bambino sta cambiando. Se è isolato o timoroso e inibita nel trattare con gli altri. Se rendimento scolastico diminuisce, o se il bambino sembra depresso, i primi segni di depressione possono essere. A-ridotti livelli di frustrazione e forte auto-critica potrebbe essere un indicatore.

I genitori dovrebbero, se sono preoccupati per parlare con il pediatra circa il comportamento modificato del bambino. Se la depressione è presente, può essere affrontato solo con un aiuto professionale.

In generale, i genitori possono aiutare i bambini a proteggersi contro una depressione. La stabilità della famiglia e un buon social network danno la comodità bambino e una certa sicurezza. I genitori possono aiutare il loro bambino a rafforzare la sua fiducia in se stessi, possono creare un senso di realizzazione, dare la responsabilità al bambino e ridurre l'ansia così. Tali misure possono proteggere contro la depressione, ma non garantirla. Perché la depressione è una malattia e deve prendere sul serio.

"Non voglio a scuola."

Pressione di lavoro, problemi con i compagni o insegnanti, ma anche la noia e sottoutilizzo possono provocare in un bambino non vuole la scuola. Parlate con il vostro bambino, che cosa esattamente sta succedendo. Parlare con gli insegnanti e alla ricerca di soluzioni. Un cambiamento di scuola non è sempre la soluzione ideale. Un bambino deve imparare ad andare d'accordo con persone e situazioni diverse. Forse si aiutano i suggerimenti in questo video:

"Non posso farlo!"

Alcuni bambini hanno paura di fare qualcosa di sbagliato o non quello che gli altri si aspettano da loro. Si sentono una grande pressione per fare le cose per gli altri. Spesso manca fiducia in se stessi. I genitori possono aiutare il loro bambino per favorire lo sviluppo. Un bambino ha bisogno di imparare che fa le cose in primo luogo per se stesso, così di lui bene, non per gli altri.

"Non lo so (più)."

Se un bambino più o meno la risposta "Lo so che non è più" là fuori che può significare che si ha paura di dare una risposta sbagliata o essere condannato per la sua risposta. Manca probabilmente il bambino fiducia in se stessi o sentire una tremenda pressione di dover fare le cose sempre corrette dall'esterno o da se stesso. I genitori dovrebbero dire loro bambino che egli può dire e devono sapere quello che pensa. Che il suo parere, opinioni e pensieri sono solo buono come la loro.

I piccoli compiti in cui il bambino può assumersi la responsabilità e in grado di controllare da soli lo può aiutare a rafforzare la sua fiducia in se stessi. Se i genitori si fidano del loro bambino e ancora gli danno più spesso una decisione, rafforzerà il bambino. Si sviluppa la fiducia nelle sue capacità e osa a volte di più.

"Posso dormire con te?"

Anche nei bambini più grandi è perfettamente legittimo che dormono volte con i suoi genitori a letto. Ma in linea di principio dovrebbero essere in grado di possedere una notte nel proprio letto a dormire. Così spesso è che il bambino vuole letto dei suoi genitori, i genitori dovrebbero chiedere: perché? Se il bambino ha l'ansia (al buio)? Se il giorno succede qualcosa, quello che ancora occupato, o depresso?

Un bambino che vuole essere vicino ai genitori, non dovrebbe essere respinto. Insieme dovrebbero genitori e dei giovani, ma cercare le cause e trovare soluzioni.

"Io non sto facendo bene! / Non mi sento bene."

Un bambino che dice che non si sente bene, si dovrebbe sempre essere preso sul serio e ascoltare. I timori, la pressione e le preoccupazioni, fardelli pesanti anima e danni del bambino. I genitori dovrebbero chiedere perché il bambino non si sente bene. Depositato il bambino perché acutamente è successo qualcosa o è uno stato d'animo generale in cui si trova?

I genitori che si sentono impotenti e non sanno come possono aiutare il loro bambino, ma evitano di andare dal medico, possono valere anche per il telefono genitore. Sotto il 0800-111 0550 per raggiungere il Nummer gegen Kummer anonimo e gratuito e ricevere consulenza e assistenza.

Forte personalità: 7 consigli per aiutarvi alla fiducia del vostro bambino stanno promuovendo

10 frasi che non si dovrebbe mai dire a vostro figlio!

8 punte ingegnosi per aiutare il bambino addormentarsi durante la notte meglio